Il contributo del Terzo Settore per un sistema integrato di welfare in Piemonte (marzo 2014)

Investire nelle politiche di coesione sociale: un percorso di condivisione, equità, sussidiarietà.

I processi di cambiamento sociale, economico e demografico e la crisi della finanza locale degli ultimi anni hanno portato a mettere in discussione i tradizionali assetti del welfare.
In questo contesto estremamente complesso anche il Terzo Settore è chiamato a fare la sua parte, insieme agli altri attori sociali pubblici e privati, per innovare il sistema, promuovendo percorsi realistici per sostenere una crescita “intelligente, sostenibile e inclusiva”.
[…]
Le organizzazioni No Profit, la Regione Piemonte, il sistema delle Autonomie locali, possono trovare, ciascuno nel pieno rispetto delle proprie prerogative e ruoli, nuove e più forti modalità di collaborazione, fondate sul principio di sussidiarietà, per dar vita a un welfare locale capace di garantire diritti esigibili e non solo conclamati, in particolare ai soggetti deboli, e garantire a tutti pari opportunità.
In questo modo è possibile fare del sistema di welfare un canale di redistribuzione, creazione e consolidamento di impresa sociale, creazione di occupazione , per sostenere la ripresa economica in una visione strategica di qualità della vita e inclusione sociale.
La nostra esperienza quotidiana a contatto con i cittadini in difficoltà fa emergere in modo non rinviabile la necessità di un serio impegno congiunto per affrontare in modo nuovo i problemi della vita delle persone.